giovedì 25 ottobre 2012

Abbastanza Brick e qualche Balloon

Da una prima, parziale visita alla 13. Mostra Internazionale di Architettura alla Biennale di Venezia:

FIDEICOMISO
An architectural adventure in Argentina
di Elias Redstone e Marcia Mihotic

Elias Redstone, Marcia Mihotic - Fideicomiso (2012)
Rimando a un post precedente la descrizione sommaria del contributo di Elias Redstone al Padiglione del Regno Unito. La foto (fatta col telefonino) mostra l'installazione con il fumetto retroilluminato realizzata da Born Design.

Qui, dal blog della disegnatrice, due pagine tratte dal fumetto.

CIUDAD SOCIALIZANTE VS. CIUDAD ALIENANTE
di Domenico Silvestro



Domenico Silvestro - Ciudad socializante vs. ciudad alienante (2012) [visione d'insieme]
Domenico Silvestro - Ciudad socializante vs. ciudad alienante (2012) [particolare]
La sala maggiore del Padiglione della Repubblica bolivariana del Venezuela è sede di un'installazione dell'architetto e artista Domenico Silvestro dallo spiccato sapore fumettistico. Riporto dal pieghevole distribuito in mostra:

L'opera di Silvestro è concepita come un grande gioco di colore e movimento, che sprigiona un'energia simile a quella di un fulmine. Sono immagini che cercano di sviluppare l'immaginazione dell'uomo urbano e promuovere sentimenti, desideri e aneli rispetto allo spazio domestico e allo spazio urbano. Silvestro accentua, nelle sue immagini urbane, la città possibile, quella che possono costruire gli uomini comuni a partire dall'emozione e dalla speranza in una vita migliore. Nei suoi disegni, la casa occupa un posto centrale nel suo rapporto con l'ambiente naturale: essi scoprono che la città sostenibile, oggi, è un'imperiosa necessità, in un pianeta lentamente colpito da un modello produttivo predatorio.

Qui il catalogo in pdf del padiglione.

NICHOLAS HAWKSMOOR
Methodical Imaginings
a cura di Moshen Mostafavi
fotografie di Hélène Binet


Il Padiglione Venezia ospita a sorpresa (almeno per me) una notevole mostra fotografica sulle chiese londinesi di Nicholas Hawksmoor (1661-1736) sopravvissute ai giorni nostri. Incentrata sulle loro caratteristiche guglie e i rapporti che queste instaurano con la città, la mostra propone un percorso denso di fascino tra superbe fotografie in bianco e nero di grandi dimensioni punteggiato da una serie di modelli in resina (vedi foto) disposti secondo la posizione relativa delle chiese di Hawksmoor nel tessuto urbano di Londra.
Il rapporto di queste sorprendenti architetture con la città è ribadito dalla presenza, nella sala introduttiva, di una citazione e di una mappa tratte da un libro di Ian Sinclair, romanziere e poeta noto per il suo lavoro sulla psicogeografia occulta di Londra. L'architetto barocco inglese è infatti conosciuto dal popolo dei fumettofili (di qui la presenza della mostra in questo post) soprattutto per il ruolo centrale svolto dalla sua Christ Curch di Spitalfileds nel From Hell di Alan Moore.

1 commento:

m_ ha detto...

Christ Church che durante la mia permanenza a Londra ho cercato e che ho trovato per caso, dato che giravo senza piantina della città. Ci sono capitato di fronte, di notte, come si conveniva, dato il motivo per cui la stavo cercando. Evidentemente il rituale di Sir Gull aveva ancora dei residui.