sabato 5 maggio 2012

Spectacular Lai

Bureau Spectacular: Hefner/Beuys House © Jimenez Lai
Jimenez Lai, fondatore e leader di Bureau Spectacular, è un giovane e promettente architetto che affianca all'attività universitaria una particolarissima ricerca personale che si esprime anche attraverso l'utilizzo programmatico del fumetto. Come già riportato in precedenza, è imminente la pubblicazione per Princeton Architectural Press di Citizens of No Place, vero e proprio manifesto (a fumetti - ça va sans dire) della sua filosofia progettuale.
In questi giorni, attraverso Kickstarter, Lai ha promosso una raccolta fondi per realizzare un'installazione a Londra in occasione del London Festival of Architecture 2012. La Hefner/Beuys House, nelle parole dello stesso architetto, si presenterà come qualcosa "a metà tra edificio e mobilio", una "macchina per vivere" (in cui Lai passerà l'estate sotto l'occhio vigile di Youtube), "un fumetto materializzato, una fiaba in cui si può entrare" (le traduzioni sono mie). I punti salienti del progetto sono presentati con mirabile sintesi nella pagina dedicata appunto alla raccolta fondi, cui rimando, e che contiene il video che segue, nel quale Lai si rivolge direttamente ai potenziali (micro/macro) finanziatori.


Personalmente ritengo che l'analogia avanzata da molti studiosi tra struttura della tavola di un fumetto e planimetria di un edificio (o griglia urbana), per quanto seducente, sia forzata e priva di fondamento [*]. Ma trattandosi in questo caso di un'installazione sono curioso di capire se l'espressione "fumetto materializzato" sia utilizzata principalmente a scopo promozionale o possa concretizzarsi effettivamente in qualcosa di più interessante che vada oltre la mera suggestione estetica.

[*] Per una posizione opposta si vedano ad esempio l'intero Controspazio n.117 (settembre-ottobre 2005) numero monotematico curato da Manuela Costa, The Boys in the Hoods: A Song of the Urban Superhero di Scott Bukatman (in Scott Bukatman, Matters of Gravity. Special Effects and Supermen in the 20th Century, Duke University Press, 2003) o il post di Roberto Bartual (proprio a riguardo del lavoro di Jimenez Lai) sul blog The Comics Grid.

Nessun commento: